A Sorrento, perla dell’incantevole penisola stretta tra i golfi di Napoli e Salerno, quest’anno, per la prima volta, si sono raccolte le arance dai suoi 1.500 aranci pubblici sul modello di una pratica già in uso nel Principato di Monaco.

Una raccolta, iniziata a dicembre, che ha reso 10 tonnellate di arance tra le due qualità, arancia amara e bionda-sorrentina, con le quali si sono prodotti 1300 litri di succo, oltre a 1500 barattoli di marmellata e 4 litri di olio essenziali.

Al lavoro i giardinieri di Penisolaverde, la ditta che, per conto del Comune, gestisce la raccolta dei rifiuti e la cura dei parchi. Un progetto che nasce dall’esigenza di diminuire sia lo spreco che i rifiuti.

E’ un perfetto circuito virtuoso dove ciò che non viene distribuito gratuitamente ai cittadini viene trasformato, dalla cooperativa locale Solagri, e destinato alla vendita il cui ricavato sarà usato per acquistare i nuovi alberi.

L’arancia bionda-sorrentina fa anche parte dei 5700 prodotti del globo protetti dall’Arca del Gusto di Slowfood, il paniere della biodiversità agroalimentare che l’organizzazione cerca di salvare dal rischio di estinzione.

Newsletter

Mi iscrivo: