L’Unione europea non farà pagare le emissioni di Co2 ai cittadini

Su Facebook circola la falsa notizia secondo cui l’Unione europea avrebbe approvato un accordo per obbligare i cittadini a pagare le proprie emissioni di Co2.

Negli ultimi secoli le emissioni di Co2 connesse alle attività umane hanno fatto accumulare questo gas nell’atmosfera, contribuendo ad aumentare l’effetto serra e determinando il riscaldamento del clima della Terra.

Il 17 dicembre 2022 l’Ue si è accordata per modificare il sistema Ets, uno strumento che ha come obiettivo quello di ridurre le emissioni di gas serra e contrastare il cambiamento climatico.

Questo accordo prevede che «chi inquina paga», ma si riferisce alle industrie e le società energetiche, non ai singoli cittadini.

Si tratta di una misura che rientra nel piano dell’Unione Europea per ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55 per cento entro il 2030.

Iscriviti alla Newsletter