Caterina Mendolicchio – Gli avvistamenti del mostro di Loch Ness nel 2021

Gli avvistamenti del mostro di Loch Ness nel 2021 hanno superato quelli dell’anno precedente! Gli ultimi due in ordine di tempo sono avvenuti ad ottobre da parte di Benjamin Scanlon, 8 anni, e di un altro signore che vive sulle rive del loch. Ogni avvistamento, per essere valido, deve essere verificato e accettato dal registro ufficiale dedicato a “Nessie”.

La prima foto e il primo filmato di Nessie (così è chiamato affettuosamente il mostro dagli scozzesi!) risalgono al 1933, quando i giornali locali parlarono di uno strano animale che assomigliava ad un Kelpie (un cavallo marino tipico della mitologia gaelica). Da lì i giornali e la radio si interessarono all’evento dandogli risonanza mondiale e attirando folle di curiosi e cacciatori.

Loch Ness è un immenso lago di acqua dolce che taglia la Scozia da Est a Ovest lungo ben 39 km, ma largo solo 1 | Si è formato da una frattura geologica: per questo motivo è stretto e profondissimo come un crepaccio o la gola di una montagna | Le sue acqua sono molto scure per via della torba e già a 9 m di profondità non si vede più nulla | Fa parte del Canale di Caledonia, un corridoio fatto di fiumi e laghi che connette il Mare del Nord con l’Oceano Atlantico | Il primo avvistamento di Nessie risale al 565 d.C. da parte di San Colombo!

Ad oggi gli avvistamenti totali sono stati 1100 e sono tutti riportati sul sito lochnessighting.com, il registro ufficiale che mostra documenti e immagini, dai codici miniati medioevali fino alle moderne immagini delle webcam disseminate lungo le rive per dare la caccia a Nessie. Chiunque può diventare un cacciatore di mostri (anche da casa) guardando con attenzione le webcam attive h24 e segnalando la registro movimenti o forme sospette. Nel corso dei secoli sono state organizzate anche cacce vere e proprie al mostro, con fiocine e fucili, sempre senza successo.

Uno degli ultimi avvistamenti è stato registrato dal drone di un canoista in 4k mentre faceva sport in acqua, un’ombra a forma di strano dinosauro marino appare sotto il pelo dell’acqua mentre si avvicina alla riva ad osservare delle canoe. Nonostante questo, ci sono tante persone scettiche che provano a spiegare gli avvistamenti con barche, uccelli, cervi che nuotano, tronchi di legno galleggianti, foche e lontre e…perfino insetti appoggiati sulle lenti delle fotocamere. Eh sì, Loch Ness è un lago molto affollato: bisogna stare sempre all’erta quando si va a caccia di mostri!

Newsletter

Mi iscrivo: