Silvia Rocchi – Osaka, Biles, Williams e il tabù infranto della salute mentale

 

“Tutti noi affrontiamo le sfide della salute mentale dovute alle incertezze della vita. Viviamo anche in una cultura che glorifica l’essere maniaci del lavoro e dove ammettiamolo, che tu sia fuori o dentro il campo, vincere è tutto”. – Venus Williams

“Ammettere di essere vulnerabili non è uno scherzo…”

Gli atleti mondiali sono persone con i loro dubbi e le loro fragilità aldilà di tutti i successi e le medaglie! I media li mostrano sempre al top ma è da qualche tempo che finalmente qualcuno di loro come Naomi Osaka ha iniziato a raccontare cosa c’è nel backstage. Ritmi frustranti, aspettative da tenere sempre alte, ecc.

E Simone Biles a Tokyo aveva parlato dei suoi disturbi legato alla propriocezione, la capacità di percepire la posizione del nostro corpo nello spazio. Come quando corriamo, non abbiamo bisogno di guardare continuamente i nostri piedi, vero? “Bisogna essere consapevoli dei rischi che si corrono quando si verificano disturbi propriocettivi, si perde la sincronia tra mente e corpo”.

Newsletter

Mi iscrivo: