LA SLOVENIA HA DETTO SÌ – Dopo circa 40 anni di lotte per i diritti lgbt in Slovenia, martedì 4 ottobre la camera di stato con un’ampia maggioranza (48 voti a favore, 29 contrari) ha approvato una modifica del codice di famiglia legalizzando il matrimonio omosessuale e le adozioni per le coppie dello stesso sesso.

LIBRI VIETATI IN USA – Secondo l’American Library Association, nelle scuole e biblioteche americane, il numero di libri proibiti è più che raddoppiato rispetto all’anno scorso (da 729 a oltre 1.650). La maggior parte di titoli vietati riguardano razza, razzismo e diritti queer (lgbtqia+).

CAROLYN BERTOZZI (NOBEL PER LA CHIMICA 2022) – Donna e lesbica, Carolyn Bertozzi ha vinto il premio Nobel per la chimica 2022, l’unico assegnato a una donna in ambito scientifico. Sposata con una donna e madre di 3 figli, è una ricercatrice presso la Stanford University ed è molto fiera di poter essere un modello come scienziata donna e lesbica nel mondo delle stem, le discipline scientifico-tecnologiche.

LA LIBERTÀ VIETATA IN IRAN – Due attiviste per i diritti lgbtqia+, Zahra Sedghi-Hamadani e Elham Choubdar, sono state condannate a morte in Iran per “corruzione sulla terra”. Le accuse sarebbero infondate e numerose associazioni internazionali per la difesa dei diritti umani, compresa Amnesty International, chiedono che sentenza e accuse vengano ritirate.

IN MESSICO PASSI AVANTI PER ABOLIRE LE TERAPIE DI CONVERSIONE – Il senato del Messico ha finalmente approvato il divieto delle terapie di conversione, pratiche tutt’ora legali in Italia che hanno l’obiettivo di “guarire dall’omosessualità”. Sono terapie profondamente pericolose per chi le subisce, poiché impongono alle persone di essere diverse da come sono e eliminano la libertà individuale. Nel mondo molti altri paesi come Francia, Germania e Australia hanno vietato queste terapie, speriamo si aggiunga presto l’Italia.

GRAZIE SENATRICE SEGRE – Qualche giorno fa la Senatrice Liliana Segre, sopravvissuta alla deportazione dei nazisti nella seconda guerra mondiale, ha tenuto il discorso di apertura della nuova legislatura italiana. Per inaugurare la rubrica All Rights abbiamo pensato di riprendere una parte del suo discorso in cui ha citato l’articolo 3 della Costituzione Italiana: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

Iscriviti alla Newsletter