31.07.2020 Sì al processo di Salvini, grave la crisi in Tunisia, 600mila posti di lavoro persi dall’inizio dell’anno.

Il Senato vota sì al processo a Salvini per aver sequestrato (questa l’accusa) 150 migranti a bordo della Open Arms nell’agosto del 2019. Lui si arrabbia e per consolarsi va al mare al suo bagno preferito a Milano Marittima.

In Tunisia la situazione, anche a causa della pandemia, è insostenibile ed è in corso una grave crisi economica che ha fatto anche dimettere il Governo. Tutti scappano, intere famiglie si imbarcano alla ricerca di maggiore fortuna altrove.

Trump, in forte calo nei sondaggi e nel mezzo di una crisi economica e sanitaria sempre più grave, ha cominciato a parlare di un rinvio delle elezioni, che gli farebbe proprio comodo a ricostruirsi un’immagine.

Una sentenza del Tribunale in Grecia proibisce di costruire introno al Partenone e all’Acropoli palazzi e hotel più alti di 21 metri. Un hotel ha dovuto abbattere gli ultimi due piani: così la vista è bella per tutti e non solo per loro.

Dall’inizio dell’anno in Italia sono stati persi 600mila posti di lavoro, soprattutto donne e giovani. Per il terzo giorno di seguito aumentano i contagiati… Non si può stare un attimo tranquilli.

Iscriviti alla Newsletter